CASA DEL BRODO
SE AI FORNELLI SI METTE IL “DOTTORE”

I più anziani abitanti del centro storico di Palermo raccontano che, in coincidenza con l’epidemia che colpi la città nei primi anni del ‘900, quelli che andavano a rifocillarsi alla “Casa del Brodo” di Corso Vittorio Emanuele avvertivano subito una sensazione di benessere, tanto che ritornavano a gustare il famoso bollito della casa. La voce si sparse subito in città e fu un affluire di clienti che volevano bere una tazza di brodo caldo che dava tanto beneficio e rimetteva in sesto chi aveva perso le forza a seguito della malattia. Era un periodo di grande indigenza, tra gli avventori, ce n’erano tanti che non avevano la possibilità di acquistare quella benefica tazza di brodo ed il titolare fondatore della trattoria, Salvatore Catanese, non li respingeva ed offriva quella bevanda che nella fantasia popolare aveva tante virtù benefiche.
E’ da allora che, accanto alla tabella dello storico locate palermitano, ce n’è un’altra che dice “Dal Dottore” e con questo nome la trattoria oggi è comunemente conosciuta a Palermo e fuori. Tanto che, per darsi un appuntamento a pranzo o a cena, basta dire: “Ci vediamo dal Dottore del Brodo”.

Ieri, oggi, domani

Una storia fatta di tradizione, abnegazione per il proprio lavoro, passione e soprattutto famiglia…
Da più di un secolo, oramai, questo nome è sinonimo di buona cucina palermitana.
Salvatore Catanese decise di specializzarsi in questo settore gastronomico aprendo un locale nel 1890, nel posto dove è ancora. E la tradizione familiare in tutti questi anni non si è mai interrotta.
Dopo Salvatore la trattoria è stata gestita dal figlio Antonino al quale è subentrato il nipote del fondatore, pure Salvatore, ed oggi i proprietari sono le figlie Maria Luisa e Rosanna ed i nipoti Ada e Gaetano.

Con il passare degli anni, la “Casa del Brodo” è diventato un punto d’incontro di quanti vogliono mangiare bene e Maria Luisa Catanese e Francesco Lo Coco, insieme al patron chefGaetano e lo zio, Paolo Montalto, sono andati sempre alla scoperta di cibi genuini e di ricette della vera tradizione palermitana. Stabilire un contatto umano ed affettuoso con la clientela che, dal Dottore”, deve sentirsi come a casa propria, è il desiderio di tutta la famiglia.

DAL 21 FEBBRAIO 2017
SIAMO UFFICIALMENTE UN LOCALE STORICO D’ITALIA

Casa del Brodo è nato in un periodo di grande povertà in cui molti clienti non avevano i mezzi per acquistare quella benefica tazza di brodo, il proprietario e fondatore del ristorante, Salvatore Catanese, non li mandò via ma offrì loro quella bevanda che – come la voce popolare aveva – era così utile per la salute.

Da allora in poi, accanto al consiglio di amministrazione di questo ristorante storico di Palermo, un altro consiglio recita “dal Dottore”: è proprio con questo nome che al giorno d’oggi il ristorante è comunemente conosciuto dentro e fuori Palermo, così che quando si fissa un incontro per il pranzo o cena è sufficiente dire: “Incontriamoci al medico del brodo”.

Nel 2017 Panorama ci ha inserito nella lista dei migliori ristoranti che fanno “brodo” del mondo!

Tradizione e innovazione
Perfettamente in simbiosi

 

Il menu’ offerto dalla Casa si è arricchito dei sapori del mare sapientemente armonizzati, senza ricorrere a nulla che ne modificasse la genuinità oltreché il naturale sapore. Si può senz’altro affermare che anche il mare ha trovato il suo specialista. Non bisogna dimenticare, comunque, il tradizionale brodo, che viene cotto secondo un’antica ricetta, i tortellini in brodo, il lesso con le patate, la lingua e poi gli antipasti tipici siciliani (sarde a beccafico, involtini di melanzane, il musso e quant’altro offre la tradizione palermitana. La scelta dei piatti è vastissima ed accontenta il palato più esigente. Tra le pietanze più richieste c’è la frittela (fave piselli carciofi e ricotta), il macco di fave, la pasta con le sarde. Le busiate alla glasse, le linguine con polpa di ricci, gli agnolotti al brasato, il risotto con frutti di mare…..il tutto annaffiato dagli ottimi vini di cui dispone la cantina.

Press & Awards

Contattaci su WhatsApp
INVIA